GEISTERBAHNHOF PDF Stampa E-mail

 

Geisterbahnhof

Geisterbahnhof sono le stazioni fantasma della metropolitana di Berlino chiuse a seguito della divisione della città in due parti con 2 metropolitane separate. Erano le stazioni che non comparivano in nessuna mappa, semplicemente perché i treni non si fermavano, ma erano visibili ai visitatori dal treno.

Attraverso una colonna sonora si percorrono alcune di queste stazioni fantasma di Berlino (siamo prima e dopo il 9 novembre 1989).

Il viaggiatore che vede queste fermate, racconta il proprio stato d’animo nel vivere in una città non compiuta (tutti i brani sono infatti incompiuti e si interrompono con un leitmotiv, anch’esso incompiuto), alla ricerca di sé, di una propria identità, di una essenza che da anni è stata negata e divisa.

 Lo spettacolo è ideato e diretto da Giuseppe Fiorito. Movimenti coreografici a cura di Lara Guidetti.

Si avvale della collaborazione dell’associazione Flight e di Sanpapiè Formazione

Flight Band: Aldo Mariani – Sax soprano; Francesco Gilio – Sax Soprano; Paolo Branzaglia – sax tenore; Riccardo Mestroni – Sax baritono Giuseppe Fiorito – piano; Chicco Carrara – basso elettrico e elettronica; Gino Natalicchio – batteria

Danzatori Formazione Sanpapié: Consuelo Mauri, Cristina Kotter, Elisa Aceti, Nicola
Sirtori, Noemi Montedoro, Luisa Morfini, Viviana Falco.
Voce Recitante: Ciro Ruffo

 

Sabato 9 novembre, ore 19

CORTE DEI MIRACOLI

via Mortara 4

Milano


 

 
GEISTERBAHNHOF PDF Stampa E-mail

La Flight Band, in collaborazione con La Corte dei Miracoli,

presenta:

GEISTERBAHNHOF

Testi, musica e movimenti scenici

pensando alla caduta del muro di Berlino (09/11/1989)

Produzione Flight Band a cura di Giuseppe Fiorito

In collaborazione con gli allievi di Sanpapiè Dance Factory

Voce recitante: Ciro Ruffo

 

con Elisa Aceti, Viviana Falco, Cristina Kotter, Consuelo Mauri, Noemi Montedoro,

Luisa Morfini, Nicola Sirtori. Coordinamento di Lara Guidetti

Sax soprano: Aldo Mariani

Sax alto: Francesco Gilio

Sax tenore: Paolo Branzaglia

Sax baritono: Riccardo Mestroni

Piano: Giuseppe Fiorito

Basso el., elettronica: Chicco Carrara

Batteria: Gino Natalicchio

Foto: Roberto Rognoni

Regia: Giuseppe Fiorito

Sabato 9 novembre 2019, ore 19.00

La Corte dei Miracoli, via Mortara 4 – Milano

(zona porta Genova)

 

Ingresso 5 euro + tessera

Ultimo aggiornamento Mercoledì 06 Novembre 2019 15:23
 
musichiamo al santa barbara PDF Stampa E-mail

La FLIGHT BAND presenta:

MUSICHIAMO al Santa Barbara

Hotel Santa Barbara

Piazzale supercortemaggiore – San Donato Milanese

 

Lunedì 4 novembre 2019

Always standard (Aldo Mariani – sax, Giuseppe Fiorito –Pianoforte)

Una panoramica ai grandi successi jazz

Lunedì 11 novembre 2019

Swing swing swing (Roberto Novati – contrabbasso, Pierangelo Sardella –Piano)

Divertirsi in chiave swing!

Lunedì 18 novembre 2019

Evergreen Forever (Ambra Biasia – Voce, Rocco Siano – Pianoforte) 

I grandi successi del Pop/Rock internazionale proposti in chiave acustica

Lunedì 25 novembre 2019

Evergreens (Enzo La Mendola – clarinetto, Pierangelo Sardella –Pianoforte)

Una proposta internazionale dei classici di sempre.

 

 

I concerti iniziano alle ore 19.00

Direzione artistica: Giuseppe Fiorito

Per maggiori informazioni potete chiamare questo numero: 02518911

 
musichiamo al santa barbara PDF Stampa E-mail

La FLIGHT BAND presenta:

MUSICHIAMO al Santa Barbara

Hotel Santa Barbara

Piazzale supercortemaggiore – San Donato Milanese

 

Lunedì 4 novembre 2019

Always standard (Aldo Mariani – sax, Giuseppe Fiorito –Pianoforte)

Una panoramica ai grandi successi jazz

Lunedì 11 novembre 2019

Swing swing swing (Roberto Novati – contrabbasso, Pierangelo Sardella –Piano)

Divertirsi in chiave swing!

Lunedì 18 novembre 2019

Evergreen Forever (Ambra Biasia – Voce, Rocco Siano – Pianoforte) 

I grandi successi del Pop/Rock internazionale proposti in chiave acustica

Lunedì 25 novembre 2019

Evergreens (Enzo La Mendola – clarinetto, Pierangelo Sardella –Pianoforte)

Una proposta internazionale dei classici di sempre.

 

 

I concerti iniziano alle ore 19.00

Direzione artistica: Giuseppe Fiorito

Per maggiori informazioni potete chiamare questo numero: 02518911

 
musichiamo al santa barbara PDF Stampa E-mail

La FLIGHT BAND presenta:

MUSICHIAMO al Santa Barbara

Hotel Santa Barbara

Piazzale supercortemaggiore – San Donato Milanese

 

Lunedì 4 novembre 2019

Always standard (Aldo Mariani – sax, Giuseppe Fiorito –Pianoforte)

Una panoramica ai grandi successi jazz

Lunedì 11 novembre 2019

Swing swing swing (Roberto Novati – contrabbasso, Pierangelo Sardella –Piano)

Divertirsi in chiave swing!

Lunedì 18 novembre 2019

Evergreen Forever (Ambra Biasia – Voce, Rocco Siano – Pianoforte) 

I grandi successi del Pop/Rock internazionale proposti in chiave acustica

Lunedì 25 novembre 2019

Evergreens (Enzo La Mendola – clarinetto, Pierangelo Sardella –Pianoforte)

Una proposta internazionale dei classici di sempre.

 

 

I concerti iniziano alle ore 19.00

Direzione artistica: Giuseppe Fiorito

Per maggiori informazioni potete chiamare questo numero: 02518911

 
Driving OUT ... birth of the cool PDF Stampa E-mail

Flight Band Project presenta:

Driving OUT …Birth of the cool

 

A distanza di settant’anni, la Flight Band Project ripropone una personale rilettura

del celeberrimo LP di Miles Davis “Birth of the cool”

 

Flight Band Project

Maurizio Modica          tromba
Aldo Mariani               sax soprano
Francesco Gilio            sax alto
Paolo Branzaglia         sax tenore e arrangiamenti
Riccardo Mestroni        sax baritono
Giuseppe Fiorito          piano
Chicco Carrara            basso elettrico
Gino Natalicchio          batteria
Biagio Coppa              arrangiamento e direzione

 

Sabato 6 aprile 2019, ore 21.30

La Corte dei Miracoli, via Mortara 4 – Milano

(zona porta Genova)

 

Ingresso 10 euro

 

La Flight Project ripropone la partitura originale di “Birth of the Cool”, lasciandone intatto lo spirito compositivo, ma allo stesso tempo alterandone e rimescolandone alcuni elementi linguistici e strutturali.

Il progetto parte dalla trascrizione realizzata dalla Flight per adattare all’organico della Flight Band la partitura originaria dello storico album di Miles Davis, registrato tra il 1949 ed il 1950 per la Capitol con un gruppo di nove musicisti, tra cui Max Roach, Lee Konitz, John Lewis, Gerry Mulligan. Di quest’ultimo erano la magior parte degli arrangiamenti, oltre che di Lewis e Gil Evans.

Il successivo lavoro di concertazione, portato avanti sotto la guida di Biagio Coppa, tiene conto di esperienze storiche come quelle delle big band cosiddette ‘non tradizionali’ - che vanno dalla Sun-Ra Arkestra, alla Liberation Orchestra - o dei diversi gruppi condotti da Gil Evans e, più recentemente da Butch Morris e Carla Bley, congiuntamente a moderne tecniche di direzione d’orchestra, come quella del ‘sound painting’, che danno modo a Coppa di lasciare ampio sfogo al gusto per la ‘variazione’ intesa nel suo senso più ampio.

In questa modalità di conduzione, infatti il band leader controlla il flusso degli eventi musicali con precise indicazioni gestuali, lasciando ad ogni musicista la scelta del materiale da suonare. Nell’adozione di tale tecnica di direzione, il significato del gesto acquista una sua consapevole non-univocità, privilegiando però solo alcuni parametri (dinamica, sequenzialità, alternanza, continuità,...) rispetto ad altri più ‘tradizionali’ e prevedibili – almeno nella nostra cultura.

 Il lavoro (re)interpretativo condotto in tal modo trova massimo spazio (ma non solo) nei momenti di introduzione: veri e propri ‘preludi’ a ciascuno degli undici brani, dove la creatività, la capacità di interagire e - perché no - di divertirsi della Flight sa proporre situazioni, ritmi, groove, giochi tematici che ‘preludono’ al tema vero e proprio che seguirà, mettendo mano a tutte le possibili soluzioni che da sempre hanno caratterizzato l’arte della variazione e dell’improvvisazione nella tradizione musicale, quella della cultura europea, e non solo.

Le situazioni di improvvisazione collettiva, alternate con i momenti di improvvisazione solistica e con passaggi esecutivi di fedele adesione al testo, concorrono a proporre all’ascoltatore, a distanza di cinquant’anni, ciò che probabilmente rappresentò all’epoca “Birth Of The Cool”: un’operazione di ‘ricapitolazione’ delle diverse anime del jazz, il quale affondava sì le radici più profonde in terra d’Africa, ma avvalendosi della mediazione di strumenti, e quindi di tecnica, e di impianto formale oltre che linguistico, di provenienza europea ‘colta’.

A distanza di settant’anni, un’analoga ricapitolazione viene ritentata, cercando di tener presente quanto è accaduto frattanto nel panorama della musica afro-americana.

Ultimo aggiornamento Giovedì 28 Marzo 2019 22:14
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 3

Login